Covid-19: l’impatto sull’ambiente

Nel giro di pochi mesi, il mondo è stato trasformato. Migliaia di persone sono già morte, e altre centinaia di migliaia si sono ammalate, a causa di un coronavirus precedentemente sconosciuto prima di apparire nella città di Wuhan nel dicembre 2019. Per milioni di altre persone che non hanno contratto la malattia, il loro intero stile di vita è cambiato da esso.

Le strade di Wuhan, in Cina, sono deserte dopo che le autorità hanno attuato un rigoroso blocco. In Italia, vi sono in atto le restrizioni di viaggio più estese e rigorose dalla seconda guerra mondiale. A Londra, i pub, i bar e i teatri normalmente affollati sono stati chiusi e alle persone è stato suggerito di restare nelle loro case. In tutto il mondo, i voli vengono cancellati ed il futuro dell’aviazione viene considerato a rischio . Coloro che sono in grado di farlo, vengono rinchiusi a casa, praticando l’allontanamento sociale e lavorando a distanza.

Tutto è mirato a controllare la diffusione di Covid-19 e, si spera, a ridurre il bilancio delle vittime. Ma tutto questo cambiamento ha portato anche ad alcune conseguenze inaspettate. Con la chiusura delle industrie, delle reti di trasporto e delle imprese, si è registrato un improvviso calo delle emissioni di carbonio. Rispetto a questo periodo dell’anno scorso, i livelli di inquinamento a New York si sono ridotti di quasi il 50%.

In Cina, le emissioni sono diminuite del 25% all’inizio dell’anno in quanto le persone sono state istruite a rimanere a casa, le fabbriche sono state chiuse e il consumo di carbone è diminuito del 40% nelle sei maggiori centrali elettriche cinesi dall’ultimo trimestre del 2019 . La percentuale di giorni con “aria di buona qualità” è cresciuta dell’11,4% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso in 337 città della Cina, secondo il Ministero dell’Ecologia e dell’Ambiente. In Europa, le immagini satellitari mostrano che le emissioni di biossido di azoto (NO2) si stanno attenuando nel nord Italia . Effetti simili si verificano anche in Spagna e nel Regno Unito.

Solo una minaccia immediata ed esistenziale come il Covid-19 avrebbe potuto portare a un cambiamento così profondo così in fretta. Oltre al bilancio delle morti precoci, la pandemia ha causato perdite di posti di lavoro diffuse e ha minacciato il sostentamento di milioni di persone mentre le aziende lottano per far fronte alle restrizioni poste in essere per controllare il virus. L’attività economica si è arrestata e i mercati azionari sono crollati parallelamente al calo delle emissioni di carbonio. È esattamente l’opposto della spinta verso un’economia decarbonizzata e sostenibile che molti hanno sostenuto per decenni .

Una pandemia globale che rivendica la vita delle persone non dovrebbe certo essere vista come un modo per provocare cambiamenti ambientali. Per prima cosa, è tutt’altro che certo quanto durerà questo calo delle emissioni. Quando la pandemia alla fine si attenuerà, le emissioni di carbonio e di inquinanti “rimbalzeranno” così tanto che sarà come se questo interludio non si fosse mai verificato? O i cambiamenti che vediamo oggi potrebbero avere un effetto più persistente?

La prima cosa da considerare, afferma Kimberly Nicholas, ricercatore di scienze della sostenibilità presso l’Università di Lund in Svezia, sono le diverse ragioni per cui le emissioni sono diminuite. Prendiamo il trasporto, ad esempio, che costituisce il 23% delle emissioni globali di carbonio . Queste emissioni sono diminuite a breve termine nei Paesi in cui le misure di sanità pubblica, hanno imposto restrizioni in merito ai viaggi non necessari. La guida e l’aviazione contribuiscono in modo decisivo alle emissioni dei trasporti, contribuendo rispettivamente al 72% e all’11% delle emissioni di gas a effetto serra del settore dei trasporti .

Sappiamo che per la durata della corsa ridotta durante la pandemia, queste emissioni rimarranno ridotte. Ma cosa accadrà quando le misure verranno infine revocate? L’effetto dell’auto-isolamento potrebbe incoraggiare le persone a viaggiare di più quando sarà di nuovo possibile?

Può darsi anche che le persone che stanno evitando il viaggio in questo momento stiano davvero apprezzando il fatto di passare più tempo con le famiglie e concentrarsi su quelle priorità fondamentali. Questi momenti di crisi possono evidenziare l’importanza di tali priorità e aiutare le persone a concentrarsi sulla salute e sul benessere della famiglia, degli amici e della comunità.

Epidemie storiche

Questa non è la prima volta che un’epidemia ha lasciato il segno sui livelli atmosferici di anidride carbonica. Nel corso della storia, la diffusione della malattia è stata collegata a minori emissioni, anche molto prima dell’era industriale.

Julia Pongratz, professoressa di geografia e sistemi di uso del suolo presso il Dipartimento di geografia dell’Università di Monaco, in Germania, ha scoperto che epidemie come la Morte Nera in Europa nel 14° secolo e le epidemie di malattie come il vaiolo, portato in America del Sud con l’arrivo dei conquistatori spagnoli nel 16° secolo, lasciarono segni sui livelli atmosferici di CO2. La scoperta è stata possibile misurando minuscole bolle intrappolate in antichi nuclei di ghiaccio .

I siti turistici di tutto il mondo hanno riportato un minore inquinamento (Credit: Getty Images)

Questi cambiamenti furono il risultato degli alti tassi di mortalità per malattia e, nel caso della conquista delle Americhe, del genocidio. Altri studi hanno scoperto che queste morti hanno comportato l’abbandono di grandi tratti di terra precedentemente coltivata, che crescevano spontaneamente, contribuendo alla riduzione di CO2 nell’atmosfera.

Si prevede che l’impatto dell’epidemia di oggi non comporterà lo stesso numero di morti ed è improbabile che conduca a un cambiamento diffuso nell’uso del suolo. I suoi impatti ambientali sono più simili a quelli dei recenti eventi mondiali, come il crollo finanziario del 2008 e del 2009. “Quindi, le emissioni globali sono calate immensamente per un anno”, afferma Pongratz.

La riduzione delle emissioni è stata quindi in gran parte dovuta alla riduzione dell’attività industriale, che contribuisce alle emissioni di carbonio su una scala comparabile ai trasporti. Le emissioni combinate da processi industriali, produzione e costruzione rappresentano il 18,4% delle emissioni antropogeniche globali . Il crollo finanziario del 2008-09 ha portato a un calo complessivo delle emissioni dell’1,3%. Ma questo è rapidamente rimbalzato nel 2010 quando l’economia ha recuperato, portandolo ad un massimo storico .

“C’è la possibilità che il coronavirus agirà allo stesso modo”, afferma Pongratz. “Ad esempio, la domanda di prodotti petroliferi, acciaio e altri metalli è diminuita più di altri prodotti. Ma ci sono scorte da record, quindi la produzione riprenderà rapidamente . “

Il fattore tempo è cruciale sulla capacità di influenzare le emissioni. “Al momento è difficile da prevedere”, afferma Pongratz. “Ma si potrebbero osservare effetti a lungo termine e più sostanziali, se l’epidemia di coronavirus continuasse fino alla fine dell’anno. La domanda dei consumatori potrebbe rimanere bassa a causa della perdita dei salari. La produzione e l’uso di combustibili fossili potrebbero non recuperare così rapidamente, anche se la capacità di farlo è presente. “

Nel complesso il 2020 potrebbe ancora vedere un calo delle emissioni globali dello 0,3%, meno pronunciato rispetto allo schianto del 2008-09

L’OCSE prevede che l’economia globale continuerà a crescere nel 2020, anche se le previsioni di crescita sono diminuite della metà a causa del coronavirus . Ma anche con questa ripresa, ricercatori come Glen Peters del Center for International Climate and Environment Research di Oslo hanno notato che nel 2020 potrebbe ancora registrare un calo delle emissioni globali dello 0,3% , meno pronunciato rispetto allo schianto del 2008-09, ma anche con un’opportunità per un minore rimbalzo se gli sforzi per stimolare l’economia fossero focalizzati verso settori come l’energia pulita.

Forza dell’abitudine

Indirettamente il virus potrebbe avere un impatto a lungo termine anche sulla sostenibilità: allontanando la crisi climatica dalle menti delle persone, poiché la preoccupazione più urgente di salvare immediatamente le vite ha la precedenza.

L’altro sta semplicemente rendendo più difficile la discussione sul clima poiché gli eventi di massa vengono rinviati. Greta Thunberg ha esortato l’attivismo digitale a prendere il posto delle proteste fisiche a causa dell’epidemia di coronavirus, mentre il più grande evento climatico dell’anno, COP26, è attualmente previsto per novembre. La COP26 dovrebbe attirare 30.000 delegati da tutto il mondo . Gli organizzatori della conferenza stanno ancora lavorando per ospitare l’evento a Glasgow.

Sappiamo dalla ricerca nelle scienze sociali che gli interventi sono più efficaci se si verificano durante i momenti di cambiamento.

Uno studio del 2018 condotto da Corinne Moser all’Università di scienze applicate di Zurigo, in Svizzera, ha scoperto che quando le persone non sono in grado di guidare e invece hanno accesso gratuito alla bici elettrica, guidano molto meno ritornando alle proprie automobili. Uno studio condotto nel 2001 da Satoshi Fujii all’Università di Kyoto in Giappone ha scoperto che quando un’autostrada si chiude, costringendo i conducenti a utilizzare il trasporto pubblico, accadde la stessa cosa: quando la strada riapre, le persone viaggiano più frequentemente con i mezzi pubblici.

Quindi i tempi di cambiamento possono portare all’introduzione di abitudini durature. Durante l’epidemia di coronavirus, quelle abitudini che sono casualmente buone per il clima potrebbero comportare la diminuzione di viaggi o, forse, la riduzione degli sprechi alimentari a causa delle carenze dovute allo stoccaggio .

Azione comunitaria

Una risposta allo scoppio del coronavirus che ha suscitato reazioni contrastanti da parte degli scienziati del clima, è il modo in cui molte comunità hanno fatto grandi passi per proteggersi dalla crisi sanitaria. La velocità e la portata della risposta hanno dato speranza al fatto che si potrebbe anche agire rapidamente sui cambiamenti climatici se la minaccia che essa rappresenta fosse trattata con urgenza.

“Questo … dimostra che a livello nazionale o internazionale, se dobbiamo agire, possiamo”, ha detto a CNN Donna Green, professore associato presso il Centro di ricerca sui cambiamenti climatici della University of New South Wales in Nuova Zelanda . “Quindi perché non agiamo per il clima? E non con le parole, con azioni reali”.

Quello che è sicuro, è che nessuno avrebbe voluto che le emissioni venissero ridotte in questo modo. Il Covid-19 ha messo a dura prova le vite, i servizi sanitari, il lavoro e la salute mentale. D’altro canto però, ha anche mostrato la differenza che le comunità possono fare quando si guardano l’un l’altro, e questa è una lezione che potrebbe essere preziosa per affrontare i cambiamenti climatici.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: