Pandemia da Covid: finirà?

Per impedire a un nuovo virus pericoloso di farsi strada con l’umanità, potresti prendere una pagina dal re guerriero cinese Sun Tzu e pensare come il nemico.

Immagina di essere un coronavirus, in una forma mai vista prima dagli umani . Il tuo obiettivo è semplice ma estremamente ambizioso: invadere e dirottare le cellule di un nuovo ospite e moltiplicarti per il tempo necessario utile a stabilire il tuo prodotto in un altro nuovo host.

Ripeti fino a quando non ci sono più umani da infettare.

Sin dalla sua nascita nella patria di Sun Tzu, il coronavirus noto agli scienziati come SARS-CoV-2 ha svolto il suo compito con vigore e successo. Ha superato con facilità i confini nazionali, infettando oltre 9 milioni di persone in tutto il mondo e uccidendo almeno 470.000 in circa sette mesi. 7,7 miliardi di persone hanno finora eluso l’infezione.

A stento, i funzionari della sanità pubblica sono riusciti a contenere i loro cittadini per evitare contatti che offrono al virus opportunità di diffusione. Gli scienziati hanno scrutato il genoma del coronavirus per svelare segreti sulla sua provenienza, sulla sua evoluzione e come contrastarlo.

I virus non sono intelligenti come gli umani, ma sono molto più pazienti, ha detto l’epidemiologo della Harvard University William Hanage . E la storia di questo virus suggerisce che potrebbe essere una cattiva idea ignorarlo nella speranza che si esaurisca, ha aggiunto.

La capacità di sopravvivenza rendono un virus di successo un ospite imprevedibile, crudele per alcuni, più gentile con gli altri e capace di sviluppare nuove strategie come riserva di potenziali bersagli.

Per alcuni virus non è necessario uccidere, come hanno fatto molte delle prime forme del virus Ebola alle loro vittime. Ad un virus di successo va bene anche solo far ammalare abbastanza da attirare altre persone. Vivrà infettando un’altra vittima.

Non è necessario essere esigenti con le sue vittime, almeno inizialmente. Può risparmiare i giovani e i sani e seguire prima i deboli e gli infermi, come sembra fare il coronavirus.

Ma gli esperti ritengono che un virus che supera la prova del tempo si attenuerà man mano che i suoi potenziali ospiti diminuiranno e le precauzioni per la salute pubblica entreranno in vigore .

Per continuare a diffondersi in tali circostanze, un virus deve lasciare molte delle sue vittime in buone condizioni per muoversi. Potrebbe attaccare i più giovani, che potrebbero non ammalarsi ma saranno spargitori migliori . Potrebbe essere trasmesso da persone che non si rendono nemmeno conto di essere infette . Il coronavirus ha fatto tutto questo, con grande efficacia .

Molti virus hanno una battaglia intrinsecamente in salita da affrontare: man mano che si fanno strada attraverso una popolazione, le vittime che infettano o moriranno o guariranno, e quelli che guariscono sviluppano in genere, una certa immunità .

Quindi, dopo la sua corsa iniziale in un ambiente ricco di target, un nuovo virus scopre che le sue potenziali vittime sono diminuite. Le persone vulnerabili alle infezioni non sono più così vicine. Questo è un problema per un virus respiratorio come SARS-CoV-2 che può diffondersi solo se potenziali ospiti sono raggruppati insieme. (Molti altri virus si diffondono nell’acqua o nel ventre di zanzare, pulci e uccelli, quindi il distanziamento sociale non contrasta anche quelli.)

Un virus eccessivamente aggressivo può diventare vittima del suo stesso successo, infettando così tante persone così velocemente da creare ciò che gli epidemiologi chiamano “immunità di gregge”. In questo scenario, gli obiettivi non infetti, sono troppo distanti perché l’agente patogeno continui a diffondersi.

Dei sette coronavirus noti per far ammalare gli umani, almeno quattro hanno trovato il modo di aggirare l’immunità di gregge e sostentarsi per lungo raggio. Questi virus, che causano variazioni del raffreddore comune, lasciano la maggior parte delle loro vittime con un’immunità che diminuisce in poco più di un anno. Il pool di persone che sono suscettibili, viene continuamente rinnovato mentre le difese immunitarie delle persone infette “dimenticano” il virus che li ha fatti ammalare in precedenza.

Nessuno sa se il coronavirus che causa COVID-19 condivide quel tratto. Ma una serie di studi suggerisce che, in molti soggetti infetti, l’immunità è debole o transitoria .

Per quanto riguarda la biologia evolutiva, esiste un altro modo per mantenere una scorta inesauribile di potenziali ospiti: se un virus può mutare abbastanza velocemente e, in modi specifici, può sfuggire al riconoscimento da parte di un sistema immunitario che ha incontrato prima.

Il nuovo coronavirus muta costantemente perché le sue istruzioni genetiche sono codificate in RNA. Rispetto a un virus del DNA come quello che causa il morbillo, un virus RNA è più semplice e ha meno probabilità di correggere gli errori che si verificano ogni volta che si replica.

La maggior parte delle mutazioni sono minuscole sostituzioni di nucleotidi che non hanno alcun effetto sul comportamento del virus. Ma nel tempo, quegli errori accumulati possono cambiare il modo in cui appare a un sistema immunitario o come interagisce con il suo ambiente o i suoi ospiti. E ogni tanto, una mutazione (o una serie di esse) trasmette al virus un vantaggio improvviso.

I membri della Croce Rossa rimuovono le vittime dell'influenza da una casa nel 1918

La pandemia di influenza del 1918 decollò dopo che una mutazione casuale turbocompresse il suo apparato riproduttivo. I pazienti si ammalarono più rapidamente e, con il loro sistema immunitario attivato, espulsero il virus tossendo e starnutendo, infettando più persone possibili.

Gli scienziati hanno assistito al cambiamento della composizione genetica del nuovo coronavirus, spingendo alcuni ad affermare che circolano ceppi più virulenti e trasmissibili . Tali affermazioni sono state ampiamente dibattute. Ma il talento di SARS-CoV-2 per il cambiamento di forma, è ciò che l’ha trasformato da un virus che prosperava nei pipistrelli e forse nei pangolini, in uno capace di infettare l’uomo.

Ulteriori mutazioni potrebbero portare nuove sfide per gli umani o nuove opportunità. Se siamo fortunati, una mutazione potrebbe rendere il virus meno contagioso o meno letale.

Ma anche gli umani hanno adottato alcuni trucchi per contrastare strategie virali come queste.

Molto prima che i nostri antenati capissero che i germi diffondevano la malattia, si resero conto che la creazione di una distanza tra le persone abbassava il numero di ammalati. Durante un’epidemia, le persone con mezzi di locomozione fuggirono dalle città. Coloro che rimasero invece, evitarono i mercati e gli spettacoli pubblici furono cancellati. Era l’inizio della strategia di salute pubblica che ora chiamiamo allontanamento sociale .

Il coronavirus ha bisogno che le persone si avvicinino e tocchino le superfici comuni per diffondersi da persona a persona. Il distanziamento sociale modifica l’ambiente per imitare gli effetti dell’immunità di gregge.

L’altro modo per negare a un nuovo virus un nuovo host è quello di mettere più persone nella “categoria guariti”, uno status che ora hanno più di 4,6 milioni di persone. Lasciando che la pandemia faccia il suo corso, supponendo che l’immunità duri. Oppure puoi fare un vaccino .

Un tecnico di laboratorio estrae una parte di un candidato al vaccino COVID-19 durante i test presso il centro di ricerca sui vaccini Chula, gestito dall'Università Chulalongkorn a Bangkok, in Thailandia, lunedì 25 maggio 2020. I ricercatori in Tailandia dichiarano di avere risultati promettenti con la vaccinazione su topi e hanno iniziato i test sulle scimmie.  (Foto AP / Sakchai Lalit)

Consentire al Coronavirus di farsi strada tra l’umanità sarebbe un disastro: l’epidemiologo di Harvard Marc Lipsitch ha stimato che con un intervento umano minimo, SARS-CoV-2 infetterebbe plausibilmente dal 20% al 60% di tutti gli adulti umani. Anche se finisse per non essere più mortale dell’influenza stagionale (un’ipotesi altamente ottimista) morirebbero tra 1,5 e 4,5 milioni di persone.

Un vaccino ampiamente diffuso potrebbe fornire l’immunità al gregge, arrestando il virus e provocando un numero di morti molto inferiore. Ma ci vorrà del tempo, e fino ad allora, questo nemico astuto ha tempo dalla sua parte e alcuni trucchi provati per sostenersi.

Mentre il coronavirus potrebbe non toccare tutte le persone sul pianeta, sembra aver guadagnato il punto d’appoggio di cui ha bisogno per continuare ad infettare. Come molti virus influenzali, potrebbe mutare abbastanza di anno in anno per sembrare nuovo al nostro sistema immunitario ogni volta che si presenta. Potrebbe anche cambiare in modi che lo rendono più simile agli altri quattro coronavirus che hanno infettato gli esseri umani per eoni: uccidere pochi e rendere la maggior parte delle persone abbastanza malate da trasmetterlo.

Dal punto di vista del virus, la definizione di successo è “diventare il raffreddore comune”. Gli umani potrebbero superarlo con un buon vaccino, anche se l’immunità che offre può essere solo temporanea, e molte persone che non temono di contrarre il virus probabilmente lo eviteranno.

Il biologo statunitense Frederick Cohan ha detto: “Non siamo abbastanza intelligenti da sapere cosa farà il virus, e se pensiamo di saperlo, ci sorprenderà e basta.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: